Scatto secco a 6 km dal traguardo di una tappa non bellissima e la corsa riprende vigore. Scatto da scalatore puro, di quelli come Mercx, Pantani o Bahamontes. Scatto da fenomeno, di quelli veri, di quelli puri. Il Conta si prende tappa e maglia a sfida il vecchio Armstrong, che dal canto suo fa vedere la squadra da che parte sta, dato che Kloden tira per lui sull’ultima salita per non frgli perdere troppo. La cosa non è bella, soprattutto non è da squadra unita, senza dare giudizi personali…ma l’iberico vola e se ne frega, troppo forte per tutti, anche per un buon Andy Schlek che ci prova, prima con le parole dei giorni scorsi (Conatador ha solo lo scatto, ma non mantiene il ritmo a lungo), e poi con le gambe, anche se perde 7 secondi al km, 40 sul traguardo e non sono pochi sommati al minuto e mezzo che aveva già, in vista di una crono che lo vedrà in difficoltà.
Ma ALberto Contador è di un altro pianeta, e ora anche Armstrong se ne dovrà fare una ragione. In mezzo anche un buonissimo Nibali, che prova a diventare corridore vero, non più sola promessa.
Adesso riposo, poi l’ultima settimana, in cui si vedranno solo Schlek, Sastre e forse Armstrong se non si arrenderà.
Il tour non è finito…ma quasi.

Annunci