berlin-2009

Il mondiale tedesco è finito, tiriamo le somme.

In definitiva possiamo parlare di gran bel mondiale, con ottime prestazioni e bei protagonisti, ma analizziamo più nel dettaglio le varie nazionali.

Le migliori sono sembrate senza dubbio tre o quattro, con l’exploit della Jamaica, la conferma degli USA e della Russia e la rinnovata competitività del Regno Unito e della Germania.

La nazionale oro-nera ha dominato la velocità, sia maschile che femminile, in maniera praticamente assoluta, dimostrando di avere possibilità naturali fuori dal comune, con gli ori di Bolt e Fraser.

Bella la risposta degli USA, che hanno vinto il mondiale con gare a sopresa, come il lancio del peso maschile o come l’incredibile prestazione del decathlon maschile. Bellissima anche la costruzione della squadra di mezzofondo, stranamente composta da quasi tutti atleti bianchi, fatta esclusione per Lagat, che in praticamente tutte le gare è andata in finale e ha preso una medaglia.

Bene anche la solita Russia, che ha vinto l’oro in tutte le gare di marcia.

Bellissimo infine il mondiale della Germania, con atleti presenti in finale in quasi tutte le specialità, e in grado di lottare per le medaglie.

Le note dolenti appartengono a Francia e Italia. Le due nazionali peggiori del mondiale se si pensa alla loro storia sportiva. Il movimento nostrano sembra veramente in crisi, ormai appoggiato solo sul fenomeno Schwazer e non più in grado di sfornare una squadra media all’altezza del resto del mondo. Basti pensare che il tempo di Fabrizio Mori di Siviglia ’99, prestazione con la quale si laureò campione del mondo, avrebbe portato alla vittoria anche in questo mondiale tedesco. E allora perché non c’è nessuno dei nostri?

La nostra cultura sportiva rasenta sempre si più l’incredibile, condannando la maggior parte degli sport che definiamo minori, e che di fatto non lo sono, alla mediocrità più assoluta. Finchè parleremo solo di calcio questa sarà la nostra fine.

Rimane il fatto che per chi la conosce e la pratica, l’atletica sia lo sport per eccellenza, figlia di quei valori millenari derivati dalla cultura ellenica. Dispiace vederli sprecati così in una nazione che avrebbe un potenziale umano veramente notevolissimo.

Come ha detto Bragagna, l’atletica mondiale corre, noi a Pechino almeno marciavamo, Berlino appena camminiamo. E poco importa se abbiamo più atleti qualificatisi per le varie finali che in altre competizioni. L’acuto di fatto non c’è, ed è molto lontano da esserci.

Il mondiale è finito, andate in pace.

Arrivederci a Daegu, Corea del Sud, 2011.

fine 3

Rank Country Gold Silver Bronze Total
1 UNITED STATES (USA) 10 6 6 22
2 JAMAICA (JAM) 7 4 2 13
3 KENYA (KEN) 4 5 2 11
4 RUSSIA (RUS) 4 3 6 13
5 POLAND (POL) 2 4 2 8
6 GERMANY (GER) 2 3 4 9
7 ETHIOPIA (ETH) 2 2 4 8
8 GREAT BRITAIN & N.I. (GBR) 2 2 2 6
9 SOUTH AFRICA (RSA) 2 1 0 3
10 AUSTRALIA (AUS) 2 0 2 4
11 BAHRAIN (BRN) 2 0 1 3
12 CUBA (CUB) 1 4 1 6
13 PR OF CHINA (CHN) 1 1 2 4
14 NORWAY (NOR) 1 1 0 2
15 SPAIN (ESP) 1 0 1 2
16 BARBADOS (BAR) 1 0 0 1
16 CROATIA (CRO) 1 0 0 1
16 NEW ZEALAND (NZL) 1 0 0 1
16 SLOVENIA (SLO) 1 0 0 1
20 FRANCE (FRA) 0 1 2 3
20 TRINIDAD AND TOBAGO (TRI) 0 1 2 3
22 BAHAMAS (BAH) 0 1 1 2
22 JAPAN (JPN) 0 1 1 2
24 CANADA (CAN) 0 1 0 1
24 CYPRUS (CYP) 0 1 0 1
24 CZECH REPUBLIC (CZE) 0 1 0 1
24 ERITREA (ERI) 0 1 0 1
24 IRELAND (IRL) 0 1 0 1
24 PANAMA (PAN) 0 1 0 1
24 PORTUGAL (POR) 0 1 0 1
24 PUERTO RICO (PUR) 0 1 0 1
32 ESTONIA (EST) 0 0 1 1
32 MEXICO (MEX) 0 0 1 1
32 QATAR (QAT) 0 0 1 1
32 ROMANIA (ROU) 0 0 1 1
32 SLOVAK REPUBLIC (SVK) 0 0 1 1
32 TURKEY (TUR) 0 0 1 1
nk Country Gold Silver Bronze Total
1 UNITED STATES (USA) 10 6 6 22
2 JAMAICA (JAM) 7 4 2 13
3 KENYA (KEN) 4 5 2 11
4 RUSSIA (RUS) 4 3 6 13
5 POLAND (POL) 2 4 2 8
6 GERMANY (GER) 2 3 4 9
7 ETHIOPIA (ETH) 2 2 4 8
8 GREAT BRITAIN & N.I. (GBR) 2 2 2 6
9 SOUTH AFRICA (RSA) 2 1 0 3
10 AUSTRALIA (AUS) 2 0 2 4
11 BAHRAIN (BRN) 2 0 1 3
12 CUBA (CUB) 1 4 1 6
13 PR OF CHINA (CHN) 1 1 2 4
14 NORWAY (NOR) 1 1 0 2
15 SPAIN (ESP) 1 0 1 2
16 BARBADOS (BAR) 1 0 0 1
16 CROATIA (CRO) 1 0 0 1
16 NEW ZEALAND (NZL) 1 0 0 1
16 SLOVENIA (SLO) 1 0 0 1
20 FRANCE (FRA) 0 1 2 3
20 TRINIDAD AND TOBAGO (TRI) 0 1 2 3
22 BAHAMAS (BAH) 0 1 1 2
22 JAPAN (JPN) 0 1 1 2
24 CANADA (CAN) 0 1 0 1
24 CYPRUS (CYP) 0 1 0 1
24 CZECH REPUBLIC (CZE) 0 1 0 1
24 ERITREA (ERI) 0 1 0 1
24 IRELAND (IRL) 0 1 0 1
24 PANAMA (PAN) 0 1 0 1
24 PORTUGAL (POR) 0 1 0 1
24 PUERTO RICO (PUR) 0 1 0 1
32 ESTONIA (EST) 0 0 1 1
32 MEXICO (MEX) 0 0 1 1
32 QATAR (QAT) 0 0 1 1
32 ROMANIA (ROU) 0 0 1 1
32 SLOVAK REPUBLIC (SVK) 0 0 1 1
32 TURKEY (TUR) 0 0 1 1
Annunci