usa baseball
Gli Usa conquistano per la seconda volta consecutiva la coppa del mondo dei baseball, e lo fanno in finale contro Cuba con il punteggio di 10-5.

Bellissima la partita, con gli Stati Uniti che partono subito bene, azzeccando il fuori campo che li porta sul 3 a 0. L’orgoglio Cubano porta poi la partita sul 3-2, ma un nuovo fuori campo a atselle e strisce sposta il punteggio sul 4-2.

Esce il lanciatore partente Usa Luebke, al suo posto l’ottimo Brad Lincoln, autore di una prestazione fantastica.

Una Cuba mai doma pareggia, e la partita arriva sul 4-4 fino al settimo inning, quello decisivo, con la fuga Usa fino al 10-4 con ben sei punti essi a segno.
Nell’ottavo il punteggio si aggiorna e cuba si porta sul 10-5 con un Home-Run a basi vuote di Despaigne (11 Homer in questo mondiale).
Al nono e ultimo inning Cuba prova a battere molte valide per rimontare lo svantaggio, ma un fantastico Brad Lincoln spegne ogni tentativo di rimonta.

Una partita molto bella, giocata su ritmi alti e indecisa fino all’ottavo inning. Alla fine la spuntano gli statunitensi, che difendono il titolo conquistato due anni fa a Taipei proprio contro i cubani.

Probabilmente l’errore degli sconfitti è stato quello di far lanciare troppo Norge Vera, che già al settimo inning era apparso un po’ stanco. Va detto comunque che i vincitori sono apparsi sempre i più forti vincendo, alla fine del torneo, ben 14 partite consecutive, e uscendo imbattuti da questo mondiale e con Justin Smoak eletto MVP del torneo.

Bel mondiale, con l’Italia che ha fatto vedere di poter stare fra le grandi di questo sport, una bella cornice di pubblico e uno stadio gremito in tutti i suoi 5000 posti per la finale di Nettuno. Non male per un paese che il baseball non sa nemmeno cos’ è…

Annunci