castagnetti

Alberto Castagnetti,  si è spento all’età di sessantasei anni Verona, dopo essersi sottoposto lo scorso 8 settembre a un delicato intervento al cuore.

Era l’allenatore della nazionale italiana di nuoto, il ct che ha consacrato Federica Pellegrini, per molti il mago, il miglior allenatore di nuoto italiano.

In passato anche atleta di spessore,  stileliberista e staffettista, ha partecipato ai Giochi Olimpici di Monaco 1972 e ai Mondiali di Belgrado 1973.

Questi i suoi risultati da ct della nazionale, così come li riporta il sito “it.eurosport.yahoo.com”

Commissario tecnico della Nazionale Italiana di Nuoto ininterrottamente dal 1987, allena campioni come di Giorgio Lamberti, Roberto Gleria, Marcello Guarducci e Domenico Fioravanti. Grazie a lui l’Italia del Nuoto arricchisce il medagliere olimpico con 4 ori, 2 argenti e 7 bronzi, diventando così una delle più rilevanti potenze mondiali. Nel quadriennio che porta alle Olimpiadi di Pechino 2008 cresce la striscia di risultati importanti sotto la sua direzione tecnica: dal primo storico oro olimpico al femminile di Federica Pellegrini nei 200 sl al doppio titolo mondiale di Filippo Magnini nei 100 sl; dai record mondiali della Pellegrini nei 200 sl e 400 sl, al primo oro europeo donne a Budapest 2006 nei 400 misti di Alessia Filippi, che stabilisce anche il record europeo nei 1500 sl: dalle 60 medaglie internazionali (4 alle Olimpiadi, 5 ai Mondiali, 10 ai Mondiali in vasca corta, 21 agli Europei e 20 agli Europei in vasca corta) di Massimiliano Rosolino al prestigioso primato continentale della 4×200 sl ‘rosa’. Il post-Giochi Olimpici 2008 riparte con altre grandi soddisfazioni per Castagnetti, il ct più vincente del nuoto italiano. Il 2009, l’anno del Mondiale di Roma, prosegue con i successi di Federica Pellegrini e Alessia Filippi.

E se tutti gli atleti lo ricordano come un amico, un motivo ci sarà…

Annunci