jean todt
Alla fine ciò che si sapeva sarebbe accaduto è accaduto. Jean Todt è il nuovo presidente della Fia con una votazione che sa tanto di plebiscito, 135 voti contro i soli 49 di Vatanen.

E in barba a tutti quelli che volevano un cambiamento netto, a chi parlava del finlandese come l’Obama dell’automobilismo o a chi non vedeva di buon occhio l’ex della Ferrari perché caldamente spalleggiato da Max Mosley.
Alla fine quello che rimane è la vecchia solita Fia, quella delle regole assurde, del Kers e della riduzione dei costi, quella delle gomme intagliate, del diffusore Brawn omologato e delle possibili medaglie e due classi per le scuderie.
O almeno questo è quello che sembra, staremo a vedere ma la sensazione è che poco sia cambiato, con ancora le piccole e poco esistenti federazioni a farla da padrona, con il voto della federazione del Burundi che vale quanto quello di quella italiana, francese, inglese o tedesca, assurdo…

Annunci