In questi giorni nel tennis sta succedendo di tutto, ma andiamo con ordine…

fed cup

Prima di tutto le buone notizie, le ragazze italiane hanno vinto per la secoda volta la Fed Cup, nella finale di Reggio Calabria contro gli Usa.

I risultati degli incontri di finale parlano chiaro: Flavia Pennetta ha battuto Alexa Glatch per 6-3, 6-1 nel primo incontro, la Schiavone che ha battuto l’americana Melanie Oudin 7-6, 6-2 nel secondo e Ancora la Pennetta ha chiuso i conti nel terzo match contro Melanie Oudin, conclusosi per 7-5 6-2 in favore dell’italiana. Ciliegina sulla torta poi con il risultato del doppio, Sara Errani e Roberta Vinci hanno battuto Liezel Huber e Vania King per 4-6, 6-3, 11-9.

Grande Italia quindi che domina le statunitensi suicide, si perché il rifiuto alla finale di Serena e Venus sa tanto di sconfitta anticipata, ma tant’è, ringraziamo e portiamo a casa il massimo trofeo tennistico per naionali femminili.

Safin addio 2

Ma non è finita qui, nel masters di Parigi ha dato addio al tennis giocao il 29enne Marat Safin. Dispiace perché veramente il russo è stato uno dei più talentuosi tennisti degli ultimi 20 anni. Talento però troppo spesso inespresso. Si perché il fratello della Safina ha dimostrato sempre di essere dotato di tecnica, forza e bel gioco, ma anche di poca testa da fenomeno, e quella serve per diventarlo davvero.
Ma a fre notizia non è solo il suo addio, sono soprattutto le parole dedicate all’ex n.1 del mondo Andrè Agassi, all’ex mito del tennis.
<<Andrè è dispiaciuto e pentito di quello che ha fatto? Allora restituisca i trofei e i soldi che ha vinto! L’Atp gli ha dato da mangiare e da vivere con gloria e fama per anni, retituisca quello che ha vinto con disonore>>

Questo in sintesi è quello che il Russo ha detto, e non ha tutti i torti, si perché quello che ha confessato Agassi ha dell’incredibile, fa male e delude tutti quelli che in lui avevano visto un mito, un idolo da imitare…cosa che in realtà non è stato. E’ inutile starci a girare intorno, questa è la verità, punto e basta.

Peccato che di tennis si parli poco, i telegiornali si chiamano giornali sportivi, ma soprattutto in Italia, sembra che sport sia uguale ad altro. Peccato perché le dichiarazioni di Agassi hanno scatenato i, pandemonio nel mondo delle palline gialle e non solo per la loro natura scandalistica, quanto per la gravità di ciò che è stato fatto e confessato solo 15 anni dopo.

Vabbè chiudiamo con il palmarès di safin, di solito si fa così no?

Titoli (17)

Singolare (15)

Legend
Grande Slam (2)
Tennis Masters Cup (0)
ATP Masters Series (5)
ATP Tour (8)
Titoli per superficie
Cemento (10)
Terra rossa (2)
Erba (0)
Sintetico (3)
Progressione Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 23 agosto, 1999 Boston, USA Cemento Greg Rusedski 6-4 7-611
2. 24 aprile, 2000 Barcellona, Spagna Terra rossa Juan Carlos Ferrero 6-3 6-3 6-4
3. 1º maggio, 2000 Maiorca, Spagna Terra rossa Mikael Tillström 6-4 6-3
4. 31 luglio, 2000 Toronto, Canada Cemento Harel Levy 6-2 6-3
5. 28 agosto, 2000 U.S. Open, New York Cemento Pete Sampras 6-4 6-3 6-3
6. 11 settembre, 2000 Tashkent, Uzbekistan Cemento Davide Sanguinetti 6-3 6-4
7. 6 novembre, 2000 San Pietroburgo, Russia Cemento Dominik Hrbatý 2-6 6-4 6-4
8. 13 novembre, 2000 Parigi, Francia Sintetico Mark Philippoussis 3-6 7-67 6-4 3-6 7-68
9. 10 settembre, 2001 Tashkent, Uzbekistan Cemento Yevgeny Kafelnikov 6-2 6-2
10. 22 ottobre, 2001 San Pietroburgo, Russia Cemento Rainer Schüttler 3-6 6-3 6-3
11. 28 ottobre, 2002 Parigi, Francia Sintetico Lleyton Hewitt 7-64 6-0 6-4
12. 13 settembre, 2004 Pechino, Cina Cemento Mikhail Youzhny 7-64 7-5
13. 18 ottobre, 2004 Madrid, Spagna Cemento David Nalbandian 6-2 6-4 6-3
14. 1º novembre, 2004 Parigi, Francia Sintetico Radek Stepanek 6-3 7-65 6-3
15. 17 gennaio, 2005 Australian Open, Melbourne Cemento Lleyton Hewitt 1-6 6-3 6-4 6-4
Annunci