Week-end lungo quello della coppa del mondo di sci. Ieri erano in programma la supercombinata maschile e la discesa femminile.

Bella la prova della Vonn, che vince e convince, si avvivicina alla testa della classifica generale e sembra in grado di vincere anche quest’anno, deve però fare attenzione all’amica rivale Maria Riesch, che la precede in classifica assieme alla Zettel e che sembra intenzionata a renderle difficile il compito di vincere la sua terza coppa del mondo.
Seconda a 52 centesimi di secondo la canadese Emily Brydon, terza a otto decimi proprio la Riesch.


Grande gara fra i maschi, soprattutto della Svizzera. La discesa è stata vinta da Defago, seguito dal sempre in forma Cuche e dal fenomeno Janka, quarto Patrick Kueng, la sorpresa elvetica di inizio stagione, già nei primi dieci nella discesa di Lake Louise.
Ma la gara migliore la fa probabimente Kjetil Jansrud, capace addirittura di battere Svindal nella velocità.
Janka arriva alla prova di speciale con i favori del pronostico, i più temibili sembrano essere lontani e gli unici pericoli sono da attribuire a Zrncic-Dim, il croato specialista delle combinate.

L’elvetico però controlla da campione e porta a casa la prima vittoria dell’anno, seguito da un sorprendente Defago a 43 centesimi di secondo proprio dal croato a 49 centesimi.

Sesto il campione del mondo Svindal che smuove un po’ la classifica e recupera qualche punto su Raich e Cuche. Oggi la discesa sulla pista che lo ha visto rinascere un anno fa, chissà che non tiri fuori un coniglio.

Annunci