Bella pensata quella della federazione automobilistica internazionale. Cambiare tutto per non cambiare niente.
In poche parole. La proposta di cambiare il sistema dei punti mi sembra una bella buffonata. Prima si davano punti a scalare dal primo i questo ordine: 10-8-6-5-4-3-2-1. Adesso dovrebbe passare a 25-20-15-10-8-6-5-3-2-1.

Praticamente la copia dei punti del motomondiale, quelli che hanno permesso la vittoria del mondiale a Hayden con sole due vittorie e di Aoyama che aveva vinto molto meno di Simoncelli. E se in questi due casi si può parlare di mondiale gettato al veto dagli italiani per errori nei momenti decisivi cosa dire di quello vinto anni fa da un certo Emilio Alzamora senza mai vincere una gara?

Se facciamo due conti le cose non cambiano praticamente di una virgola. 25 corrisponde a 2.5 volte i precedenti 10 punti, se moltiplichiamo il vecchio sistema per 2.5 otteniamo: 25-20-15-12,5-10-7,5-5-2,5. Praticamente nessuna differenza se non che vanno a punti due piloti in più.
Per quanto riguarda i primi tre posti non cambia nulla, e se usiamo il nuovo sistema con i punti dell’ann passato la classifica rimane invariata, solo Rosberg perde una posizione.

Bella rivoluzione, si finge di aumentare la forbice non cambiando di fatto nulla.

Il padrone sarà anche cambiato ma la gestione sembra la stessa per ora.

Altro discorso invece erita il mercato piloti. Shumacher sembra vicino al rientro accasandosi alla Mercedes. Addirittura pare sia andato da Montezemolo a chiedere la rescissione del contratto con Maranello per liberarsi e accasarsi alla scuderia tedesca.
Effettivamente vedendo vincere il mondiale al paracarro la voglia di tornare verrebbe anche a me.

E alla fine vincerebbe sempre il solito, Bernie…

Annunci