50 mila persone attorno ad una pista da sci.

50 mila persone a guardare uomini passare a 140 km/h.

Questa è Wengen, passione del pubblico e spettacolo in pista.
Lo spettacolo che offre quel Carlo Janka ormai definitivamente fenomeno assoluto.
C’è chi tenta una vita di vincere Wengen e c’è chi come lui ci riesce quasi subito.
E Osborne, in stagione di grazia, non era andato poco, tutt’altro. Era stato capace di superare il “vecchio” Marco Buechel, per un giorno tornato alla forma di qualche anno fa, comunque sempre bello da vedere quando è in giornate come quella di oggi.
Sembrava un’atra giornata sorpresa, un po’ come Val gardena o BOrmio, poi parte Janka.
Disegna curve e linee perfette, spaventa per la perfezione delle linee e la facilità di condurre lo sci, la leggerezza con cui imposta le traiettorie e il controllo che dimostra.
Alla fine vincerà di 6 decimi ma il dominio è assoluto.

Bello vedere tutta quella gente sulla pista, peccato che tocca vederla in streaming su Raisport +, vederlo oin chiaro su Rai Tre sembra chiedere troppo, alla stessa ora facevano vedere come si poteva usare la polenta di castagne, mica come saltare sul Lauberhorn.
Bello ritrovare di nuovo Bode Miller che lotta per vincere, poi fa un numero dei suoi e si stende all’ultima ,curva, ma la coppa non gli interessa e la forma per le olimpiadi sta arrivando.
Bello vedere Heel che arriva quarto con una gran gara.
Bello vedere Fill, che rientra dopo l’infortunio autunnale e arriva ottavo, con una gara da campione dopo lo strappo che aveva subito.
Bello vedere Osborne che prova a tirare su scherzosamente gli angoli della bocca di Janka, un po’ come a dire, e sorridi cazzo, hai vinto Wengen.
Bello vedere Cuche che è una vita che prova a vincere qui che si inchina di fronte al vincitore di giornata come aveva già fatto Svindal in America, sportivamente e allegramente, mentre dentro stava probabilmente soffrendo per una vittoria che forse non arriverà mai.

Bello tutto l’ambiente che si respira al traguardo. Si viaggia a 140 km/h, ma dopo è una festa.

Mi sa che guardavo lo sci su internet, non il calcio in chiaro…

Annunci