Oggi penultimo giorno di Olimpiade Canadese. Speriamo in uno slalom maschile che presenta due candidati a medaglia, Moellg e Razzoli.
Personalmente credo più nel secondo che nel primo, vuoi per lo stato di forma dimostrato fino ad adesso da Manfred, vuoi per la pista simil Zagabria (anche se non nella neve), dove Razzoli ha sempre fatto bene.

Ieri intanto siamo rimasti là, in quel limbo di incompiuti che contraddistingue la nostra olimpiade. Troppe volte a poco dal podio ma senza piazzare la zampata, lo scatto che ti ci porta, fra le medaglie.
Nicole Gius era a 3 decimi dopo una bella prima manche, ma la seconda è stata altra storia, mai in gara e mai pericolosa, anche se ha tentato di attaccare.
Gran manche invece per Marlies Schild, che si prende una medaglia meritata dopo il grosso infortunio dello scorso anno. Alla fine poteva essere un oro per la prova che ha fatto, sembrava di veder scendere uno dei suoi colleghi maschi, anziché una donna. Ma la neve Canadese non l’ha favorita, portando sul gradino più alto del podio Maria Riesch, più brava a sfruttare il fondo trattato con additivi chimici e a far correre i propri sci anche sembrando più lenta nell’azione.
Terza di giornata quella Sarka Zahrobska che si esalta nei grandi appuntamenti. Dopo tre medaglie mondiali consecutive in slalom – bronzo 2005, oro 2007 e argento 2009 – centra anche la medaglia olimpica, dimostrandosi una che, quando la posta in gioco è alta, ragiona più di altre.

Male invece nel pattinaggio velocità. Nella prova a squadre l’Italia, campionessa Olimpica di quattro anni fa, abdica al primo turno contro i Canadesi. E lo fa non entrando mai in gara, con atleti che sembrano la brutta copia di quelli che avevano raggiunto ben altre posizioni durante la coppa del mondo. Forse è la fine di un’era per il attinaggio Italiano, anche se, alla fine, l’era è stata breve, troppo…

Grna Canada invece per quanto riguarda il medagliere. Con i due ori di ieri si è portata in testa, ben due medaglie di vantaggio su USAia e Norveg e una sulla Germania. I giochi sono quasi finiti e la squadra di casa può chiudere il discorso con il Curling maschile, anche se, in caso gli Stati Uniti vincessero nel bob a quattro, il discorso sarebbe probabilmente rimandato allo scontro dell’ultimo giorno. FInale di Hockey maschile Canada – USA. Sembra un film, ma per i Canadesi sarebbe un sogno…

Annunci