Forse forse allora vincere non fa male. E non solo per quanto riguarda il morale o l’abitudine a fare bene, anche come reputazione. Dopo una vittoria co la Francia abbiamo potuto accedere al Sei Nazioni, ormai più di 10 anni fa.

Adesso, dopo la vittoria con la Scozia, abbiamo avuto accesso a quella Celtic League che potrebbe dare una marcia in più a tutto il nostro movimento.

Cosa sia cambiato da due mesi fa non lo so, fatto sta che Treviso e Aironi del Po sono adessoa tutti gli effetti isxritti al campionato celtico dell’anno prossimo.

E tutto arriva dopo la bella prestazione di 9 giorni fa, quando abbiamo battuto la Scozia.
Partita bruttina nel primo tempo ma che si infiamma nel secondo, dove sale in cattedra un Craig Gower che migliora di volta in volta, sia al piede che, soprattutto in campo. Che era un buon placcatore si sapeva, ma che entrasse in tutte le fasi difensive, risultando praticamente fondamentale nella maggior parte di esse no.
Senza contare il passaggio che ha dato il via all’azione di Canale, ben supportata – si supporto, quello che no abbiamo mai avuo – da Canavosio per la meta che ci ha dato la vittoria finale. Cucchiaio scongiurato e speranze di svolta che si infiammano di nuovo.
Si perché per la prima volta abbiamo vinto da squadra che sa quello che fa, almeno secondo me.
Oltre alla solita prima linea, sembravano a posto Touche, con un gran Bortolami ancora una volta, e soprattutto difesa e attacco per quanto riguarda la tattica e la posizione in campo. La squadra sale in difesa e sostiene in attacco, tutte cose che non abbiamo mai fatto come in questo anno.
E allora chissà che non possa veramente cambiare qualcosa. Il responso ci sarà elle ultime due partite, in Francia e in Galles, ma quello definitivo verrà er il mondiale del prossimo anno, dove no possiamo fallire il passaggio del turno. Ancora c’è da attendere, ma i segnali sono buoni.

Nelle altre partite si vede di tutto. La Francia batte il Galles per 26-20, chiudendo 20-0 il primo tempo. Nel secondo poi i dragoni danno spettacolo, riaprendo una partita che sembrava dominaa dai bleus. Peccato per i troppi errori che impediscono a Shane Williams e soci di ribaltare un risultato possibile. Il galles dice addio alla vittoria finale con due mete subite per intercetto e contro una comunque grande Francia che adesso, in virtù della difefrenza punti, ha il torneo in tasca.

Nell’altra sfida l’Irlanda riesce a battare l’Inghilterra in una partita molto fisica. Alla fine a sfida serve a poco, se no ad allontanare i bianchi di sua maestà dalla vetta della classefica. o scontro diretto fra Inghilterra e francia deciderà il torneo rpbabilmente, ma i transalpini sono decisamente avvantaggiati. Per i verdi irlandesi sembra difficile il recupero dopo la disfatta di Parigi.

Ancora due partite prima della fine di un grande Sei Nazioni.

Annunci