La coppa del mondo di sci è finita.
Il week-end di Kvitfijell ci ha fatto vedere un grande Didier Cuche in discesa e un bel Guay, tornato ai livelli che più gli competono, quelli di uno che di classe stile ne ha da vendere. Bello anche rivedere lo Svindal olimpico, anche se troppo tardi per i giochi inmportanti.
Nel femminile la Norvegia ha illuso Maria Riesch di potercela fare per la generale.

Pochi giorni e si volava in Germania, per il bran fiale di Garmisch.
E devo dire che su una pista nuova, lo spettacolo non è mancato. Bellissima discesa, Super G e un gran Gigante, un po’ più bruttino lo speciale, ma per i mondiali del prossimo anno ci sarà da divertirsi.
Qui le cose sono andate diversamente. In campo femminile è stata Maria Riesch ad aprire le danze in discesa, davanti alla rivale di tutta la stagione, che due giorni dopo in Super G si è presa la rivincita andando a conquistare la coppa del mondo generale, assieme a quelle di discesa, Super G e combinata. Per la statunitense terza generale di fila, per la tedesca la coppa di speciale. Quella di gigante a Kathrin Hoelzl.

In campo maschile si è visto uno Janka stratosferico, capace di vincere discesa e gigante. E se per la prima ci poteva stare dovendosi buttare al massimo, per il secondo il discorso è molto diverso. Dopo la prima manche era primo, con un Raich non vicinissimo alle prime posizioni. Nella seconda l’Austriaco scia bene, ma non recupera molto. Tutti si aspettano che lo Svizzero porti a casa punti preziosi senza rischiare troppo, costringendo comunque Raich alla vittoria nello speciale del giorno dopo. E invece niente, anche non sciando al massimo vince Carlo Janka, un fenomeno assurdo.

Poche volte si è visto un campione imporsi in così poco tempo e con questa facilità e tecnica nella sciata. Se alla coppa aggiungiamo un oro olimpico e uno mondiale nel gigante la situazione è chiara. fa paura.
Veramente uno sciatore fenomenale, difficilmente battibile anche nei prossimi anni. Certo Svindal lotterà ancora per 4-5 anni almeno, Raich per altri due, ma poi sembra difficile trovare qualcuno che possa batterlo.

Coppa di discesa a Cuche, di Super G a Guay con due vittorie nelle ultime due prove della stagione. Coppa di gigante a Ligety, con un Blardone che esce nella prima manche e un Simoncelli di nuovo sul podio. Coppa di speciale a Herbst.

Alla fine una grande stagione, sciata a ritmi e livelli veramente alti, peccato per i troppi infortuni e per le poche volte in cui la nostra tv si è decisa a trasmettere in chiaro le gare…Occasioni sprecate…

Annunci